Riflessioni sui vini naturali

Leggendo il post di Jacopo Cossater…le mie riflessioni sui vini naturali.

Vigneti della az.agr. Punset-Neive(CN)


Leggo con molto interesse il post di Jacopo Cossater sui vini naturali, comparso alcuni giorni fa sul suo blog Enoiche Illusioni.

Ne approfitto per fare anche i complimenti a Giulia Graglia per il video Senza Trucco, che mi è piaciuto molto.

Tornando al post di Jacopo, invece, mi sembra necessario affrontare fin da subito il tema della definizione di vino naturale. E’ evidente che non si possa nascondere la testa sotto la sabbia, indubbiamente la confusione sul termine naturale esiste.

E non solo. Forse esiste anche qualche furbetto, il cui vino magari proprio naturale non è del tutto, che ha fatto di questa espressione un uso improprio, uno strumento di persuasione per far colpo sui consumatori.

Ma, ad un certo punto, alcune scelte vanno fatte.

Quando decisi di intraprendere la strada della vendita dei vini naturali, intendendo con questa espressione i vini provenienti da viticoltura sia biologica che biodinamica, mi posi la domanda in merito ai criteri di selezione, per garantire ai miei clienti la migliore qualità possibile.

Qualcuno di voi starà pensando che una delle soluzioni potrebbe essere quella di affidarsi alle certificazioni che  a mio avviso però non sempre garantiscono da sole la qualità del prodotto.

Solo l’etica del produttore stesso può farlo, insieme alla scelta del processo produttivo ed alla volontà di utilizzare pratiche agronomiche che consentano di salvaguardare la salute della vite e di ottenere uve sane ed integre, riducendo di conseguenza la necessità di ricorrere a troppi additivi.

La filosofia in cui credo  è molto vicina a quella espressa nel post comparso su Enoiche Illusioni qui

se vivo in modo naturale, rispettoso per l’ambiente, per il territorio, per le piante, il vino che risulterà dalla mia attività sarà a sua volta un prodotto rispettoso e naturale”. Così un produttore sul primo volume di Vini Naturali d’Italia di Giovanni Bietti.

Il problema resta però quello della scelta e della selezione del prodotto.

A tal  proposito, il mio impegno verso i consumatori  è proprio quello di prediligere un processo di selezione che prevede l’ incontro diretto con il vino, il terroir ed i produttori nella speranza di dare ai miei clienti prodotti di qualità  il più possibile vicini al concetto di naturale.

Annunci

One thought on “Riflessioni sui vini naturali

  1. Pingback: Riflessioni sui vini naturali 2 « eticavitis

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...