Vendemmia 2011 – Azienda agricola Guccione

Avevo programmato di scrivervi un bel post dell’azienda  agricola Guccione, ma poi sono arrivate notizie della vendemmia 2011…così ho deciso di mettere al corrente tutti voi di come si è svolta.

La stagione calda  ha provocato una  maturazione anticipata delle uve in diverse aree italiane. Questo evento  si è verificato anche in Sicilia nella Contrada Cerasa, ma  fortunatamente le piante non sono entrate in  stress idrico grazie alle piogge primaverili, che hanno dissetato i terreni argillosi, trasformandoli in  una sorta di riserva idrica nel periodo di forte calura estiva.

Vi allego una foto del  terreno della azienda,  che ho scattato quando sono andata a trovare Francesco Guccione, che evidenzia la struttura compatta e il colore grigio scuro dell’argilla.

Vi riporto con gioia, il breve testo che mi ha inviato l’azienda, dove tra le righe si percepisce come la vita e l’amore per questa terra siano particolarmente legate alle viti e all’alternarsi delle stagioni. La trepida attesa della raccolta delle uve, la trasformazione in mosto..e infine sarà vino!

Vendemmia di Passione

L’uva è diventata mosto …Noi il nostro lavoro (è stata fantasticamente dura) l’abbiamo fatto:  ora tocca amadre natura fare il resto.  Abbiamo finito di vendemmiare e i nostri grappoli di Trebbiano, Catarratto extralucido, Nerello Mascalese e Perricone sono stati gli amici di una settimana di lavoro e di passione. In un’annata che ha visto un calo importante nelle quantità di uva prodotta in Italia la nostra meravigliosaterra ci ha regalato un frutto di grande qualità, che ora cercheremo di valorizzare seguendo i canoni e i ritmi della natura , come consuetudine, per i nostri prodotti.Veruzza, Lolik, Girgis extra, Arturo di Lanzeria, Gibril 2011,  sono appena nati e hanno tutti i presupposti per diventare vini vigorosi e armoniosi, in linea con le nostre annate migliori. Sul campo abbiamo sudato e faticato per portare a termine la vendemmia in tempo utile, prima che iltempo volgesse al peggio, ma aspettando pazientemente il momento giusto, quando l’uva avesse finalmente  raggiunto il perfetto grado di maturazione. Ci ha tenuto compagnia un’estate calda e umida che, oltre a non darci respiro fisico, ha contribuito a creare delle condizioni particolari in vigna che ci hanno permesso di valutare con calma i tempi di vendemmia e ora non abbiamo che da goderne i risultati. Guardare i nostri collaboratori , stanchi ma soddisfatti, alla fine di una giornata di lavoro è stata la piùgrande soddisfazione;  “gente di campagna”,  di poche parole ma che in uno sguardo ti fa capire tutto esubito: c’era molto orgoglio nei loro occhi, prima ancora che nei nostri, nel raccogliere il frutto di un anno disforzi  comuni. I dubbi e le incertezze che inevitabilmente accompagnano i nostri pensieri e le nostre azioni durante lastagione che avvicina alla vendemmia, si sono dissipati nell’incrociare lo sguardo di chi di campagna vive erespira e anche noi abbiamo tirato il nostro respiro…di sollievo.Ora non ci resta che osservare l’uva diventare vino secondo il consueto miracolo della natura,  intervenendo il meno possibile, controllando che tutto proceda per il meglio, fino al momento in cui anche quest’annatacosì particolare, sarà finalmente pronta a “vivere” in bottiglia,  per raggiungere coloro che apprezzano ilnostro lavoro…E come sempre non saremo noi a decidere quando… sarà il vino a farcelo sapere, attraverso una degustazione che ora  possiamo solo  immaginare, sognare, presagire.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...